Portfoglio formativo

IL PORTFOLIO FORMATIVO

E LA VALUTAZIONE AUTENTICA

Impostazione pedagogica generale. Proposta di un portfolio formativo, cioè che serva alla formazione dello studente. Se è solo un atto burocratico non serve, non ha senso, avrà vita breve. Il portfolio è il contenitore che documenta il percorso di formazione dello studente. A scuola con tutte le intelligenze (Gardner) con tutta la mente (M.Levine).

  • Sviluppare l’autovalutazione nello studente (Metacognizione). Questo l’intervento è difficile, ma ricco di frutti: può sviluppare l’autocontrollo cognitivo e motivazionale, la responsabilità verso il proprio percorso formativo, il controllo di come si apprende.
  • Offrire strategie di metodo di studio, per apprendere con successo e soddisfazione.
  • Cosa non è il portfolio?
  • Non è un doppione della scheda di valutazione.
  • Non è un album di bei ricordi scolastici.
  • Non è una “grigliatura mista” dello studente
  • Non è la raccolta delle prove di verifica disciplinari.
  • Non è un “secchiaio”.
  • Cosa è il portfolio? E’ la documentazione fatta dallo studente insieme ai suoi vari insegnanti sul proprio percorso formativo e sulle competenze che ha acquisito.
  • A cosa serve? A chi serve? A chi è diretto? Quando compilarlo? Chi sceglie cosa mettere dentro? Cosa mettere dentro? Come si integra con la scheda di valutazione? 
  • Funzione del portfolio: orientativa e valutativa. Migliorare l’autostima, l’autoefficacia, l’autodeterminazione. Autostima ed autoefficacia come fattori di apprendimento. Portfolio come autobiografia formativa. Dalle capacità alle competenze. Dalla valutazione dei punti di forza e di debolezza al portfolio. La valigia delle competenze per attraversare la vita (A.Canevaro).
  • Come far conseguire la percezione di empowerment (potenziamento di sé). Il portfolio per facilitare la scelta e l’orientamento a scuola e nella vita.
  • Quali competenze inserire?
  • Sezioni del portfolio. Cognitivo, metacognitivo, motivazionale, metodo di studio, stili di apprendimento, abilità sociali (Questionario del benessere in classe).
  • Esempi di competenze da inserire nel proprio portfolio.

LA VALUTAZIONE AUTENTICA 

  • Il portfolio formativo facilita una valutazione a banda larga, non solo sommativa, ma anche e soprattutto formativa.
  • Valutazione autentica e globale di tutte le forme dell’intelligenza di ogni studente in contrasto con quella inautentica, riduzionistica, precocemente selettiva, aziendalistica.
  • La funzione della scuola è formativa. Non selettiva. Oppure: Prima formare e poi selezionale. E’ assurdo selezionare senza aver formato. La valutazione autentica. Come realizzarla?
  • La valutazione autentica attraverso il portfolio. L’apprendimento narrativo. L’apprendimento situato.
  • Delimitazione dei test oggettivi di profitto.
  • A scuola con tutte le intelligenze (Gardner) con tutta la mente (M.Levine).
  • L’autovalutazione. L’intervento educativo e formativo più difficile tra tutti.
  • Dieci minuti di metacognizione fa risparmiare ore di correzione.
  • Superamento della valutazione frantumata, scissa e scollegata

clicca qui per tornare all'elenco dei corsi